Una Poesia al Giorno

Le Vs Richieste

Presentazioni Libri

Contatore Visite

206287
Oggi
Ieri
Questa Settimana
Tutti i Giorni
Questo Mese
Mese Scorso
Dall'inizio
162
111
628
202992
10389
7991
206287

Your IP: 44.200.86.95
2024-05-30 15:55

Home

Carla FracciCara Carla,
mi sento così inferiore alla tua naturale fragranza
a quel risveglio continuo della primavera
che era la tua danza...
                                          Alda Merini

Prendiamo in prestito alcuni versi di una poesia di Jacques Prévert per interpretare il senso di smarrimento di fronte alla bellezza, in questo caso riferita alla luna che in queste notti di primavera ci lascia senza parole.
 
La luna e la notte di  Jacques Prévert
 
...Avrei potuto parlarle.
Avrei potuto toccarla.
Ma non ho fatto nulla
l’ho soltanto guardata...
Giovanni FalconeGli uomini passano, le idee restano. Restano le loro tensioni morali e continueranno a camminare sulle gambe di altri uomini.
Giovanni Falcone
(Palermo, 18 maggio 1939 – Palermo, 23 maggio 1992)

Pablo Neruda

Ascoltavo la pioggia
di Alda Merini
 
Ascoltavo la pioggia
domandare al silenzio
quale fragile ardore
sillabava e moriva.
L’infinito tendeva
ori e stralci di rosso
profumando le pietre
di strade lontane.
Mi abitavano i sogni
odorosi di muschio
quando il fiume impetuoso
scompigliava l’oceano.
Ascoltavo la pioggia
domandare al silenzio
quanti nastri di strade
annodavano il cuore.
E la pioggia piangeva
asciugandosi al vento
sopra tetti spioventi
di desolati paesi.

9 maggio 2021 - Festa della Mamma - Dedica di una madre a un figlio lontano

 

CARO FIGLIO...

Lontano dai miei occhi
le mie mani
non riescono a raggiungerti,
chiudo nei sospiri
la voglia di abbracci mancati.

Penso ai tuoi passi
barcollanti
dell'età bambina,
quando le mie braccia
erano il tuo appiglio
ed io la tua roccia.

Ma ora che non posso più camminare con te
non posso frenare le tue cadute
- hai gambe forti e passi sicuri -.

Brillano i miei occhi
al suono della tua voce
che, pur distante
e chiusa in un telefono
risuona come si fosse
poggiata proprio sopra il cuore.

Non ti chiedo
quali nubi ti oscurano il cielo
--> non me lo diresti, lo so -
e sorriderò sempre
anche solo per nascondere
i graffi della tempesta
sulla mia pelle.

E danzerò per te,
continuerò a giocare
e a raccontare storie di cavalieri
e regni incantati
perché difendano l'alba dei tuoi pensieri.
E amerò come un figlio
da crescere
il punto lontano
di ogni tuo nuovo orizzonte.

Poesie scelte per voi

Saluti dal Sito

Ponti con la Società

Amici dall'Adriatico