Una Poesia al Giorno

Le Vs Richieste

Presentazioni Libri

Contatore Visite

192789
Oggi
Ieri
Questa Settimana
Tutti i Giorni
Questo Mese
Mese Scorso
Dall'inizio
55
255
2343
188640
4882
4160
192789

Your IP: 44.200.27.215
2024-04-20 09:52

Home

Una foto


Di te una foto
nel cuore franato
nel giorno senza dopo
nell’oggi ricordo di ieri
serrato nel petto
oso
un sogno sgretolarsi
ancor prima
della speranza
di ieri che correvi
e ti serravo tra le mie braccia
mentre le mani stringono
una foto
fredda e affilata come una lama
a ricordarmi giorni felici
smarriti
nei tuoi perché
franati nei miei silenzi
che tentennano insolenti
nell’immagine di un errore
sottostimato
inesorabilmente
Janette – Catania
Svegliarsi

Svegliarsi dal sonno profondo
di una lunga notte
dopo aver seguito le orme
di miriadi di stelle,
poi udire l'eco
potente dell'aurora
sbalzarmi da un ultimo sogno
per regalarmi il mattino,
oh che sorpresa!
Ed eccomi tutta nuova
fin nell'abisso dell'anima,
eccomi rinata
fin nel profondo del cuore
destato da una parola
perduta, cercata e poi ritrovata.
Lo sento quel soffio di vita
che mi ama ed io amo
e l'infinito che mi conquista
e nulla più mi spaventa!
Sono vinta da tanto Amore
nel quale l'attimo diventa tutto
mentre sfioro incredula
il grande Mistero.
Monia - Conegliano
Avrò


Vigilo sulla mia esistenza
sapendo che quando ho paura di sbagliare
significa che farò la scelta giusta.
Le darò una ragione, un nome
e a volte persino un’emozione.
Avrò un pensiero, un perché, una spinta.
Avrò torto, ma avrò ragione.
E alla fine avrò avuto solo coraggio.
Elena – Milano
POLVERE

Nessuno osa mettere in dubbio,
fermare la forza del potere
con la sua aperta aggressione
intoccabile, austero
che si affanna furioso
per un posto fra i grandi guerrieri
che osserva superbo, annoiato
le masse inermi
che si arrendono
che si adeguano
depresse
senza più pensieri
solo nel cuore il desiderio
di una marcia verso
la libertà dello spirito
solo lui sa
che tutto è polvere
compreso il potere
presto dimenticato
per le sue malefatte.
Ester – Roma
Uomo


Tu che cammini senza meta
Dove la strada non è battuta
Non sempre vedrai la cima
Ma tu uomo
Non ti fermare
La natura ti sorprenderà per i suoi paesaggi
E tu uomo
Incontrerai qualcuno
E anche senza conoscere il finale
Troverai il senso per continuare la salita.
Chiara – Savona
“Chi siamo realmente "

Siamo sempre più soli.
Siamo dei poveri illusi
e rei di noi stessi.
Così presi dall’avarizia,
che ci dimostriamo deficienti.
Noi servitori del denaro.
Noi ignari che in ogni istante,
c’è sempre un’incognita.
Se ci pensiamo a fondo,
siamo solo carne da macello.
Corriamo, corriamo
e continuiamo a cadere.
Dove vorremmo arrivare? Ma….!
Spesse volte vaghiamo nel buio.
Non ci accorgiamo, eppure
quasi sempre sbagliamo.
Avere tutto non esiste.
Il nulla è più potente.
Questo, il tempo ci ricorda,
che alla fine siamo solamente
i padroni del niente.
Osvaldo – Bergamo
L’amico Nikollë saluta e manda una poesia da Tirana – Albania

Se ricamassi il tempo

Se ricamassi il tempo,
tra i labirinti
avrei messo pietre,
per segnare il mio respiro.
Se nell’ardore del momento
mi s’inciampassero i piedi
e mi tremassero le mani,
prima di spremere l’attesa,
la sete d’acqua
lo lascerei sotto un ruscello.
Mi sarebbe bastata
la tua ombra
e un tapettino morbido di speranza,
per coperta
solo stele che si brucciano
con fuoco e febbre.
Se perdessi l’attesa,
non comprenderei il cammino,
settimane e mesi,
dove vengo e dove vado,
i giorni se ne andranno ciechi
le notti sarebbero venute sorde.
Entrambi mi sembreranno uguali.
Nikollë – Albania
COMMIATO

Un’ultima stretta di mano
per salutare il sole che continuerà
a nascere e a tramontare.
Un’ultima stretta di mano
per salutare il fiorire del biancospino,
l’emigrare delle rondini,
la danza di una libellula,
i miei Aspri Monti
e le mie irte scogliere.
Un’ultima stretta di mano
per salutare le mie fiumare,
dal Mesima al Petrace,
ormai orbe di vita.
Un’ultima stretta di mano
per salutare il mio mondo
di carta e di inchiostro
che ha curvato la mia schiena
e reso stanchi i miei occhi.
Un’ultima stretta di mano
per salutare il mio Paese,
tra gli ulivi lassù in collina,
a cui sono debitore
delle ceneri che oggi di ritorno
gli rendono omaggio.
Rocco Tassone – Gioia Tauro (RC)
Pazzesco

Non ditemi smagato
o improbo di lega:
qualsiasi sia la bega
o classico l’impiccio
eludo il piaccichiccio
da valido stratega.
Il mondo gira storto:
è ovvio che l’intorto
virando dal pantano
bisbetico balzano.
Ho sempre la premura
di vertere fiabesco
tediando la congiura
di stile pilatesco.
Non amo sbarellare
rendendomi scimmiesco
e devo tralignare
a scanso dell’innesco.
Vi faccio sbellicare
se volgo boccaccesco,
il mimo del parlato
ha esito clownesco.
Per nulla omologato
tracanno Barbaresco
ed esco col rinfresco...

Flavio – Genova
Opinioni

     Senti
 come ci protegge
questo minuto giardino
ora che l’avvizzita foglia
ha bevuto

      tutto è brusio
che stempera le opinioni
confonde e turba l’evidenza
di questo enorme ventre

      affiora
la voglia di rimuovere
questo suolo
che vincola l’immutato lamento degli anni
e la monotona trafila delle cose

      perché non è solo
ciò che assorbe che feconda
ma quel che evapora
e fermenta
pulsa e confonde la gravità
Roberto – Omegna (VB)
Sorrisi

…Sorrisi amari,
celano tempeste interiori,
Sorrisi di gioia dei bambini,
adulti spesso frustati,
Hanno perso vivacità
e voglia di vivere.
Lo slancio che porta
alla spontaneità.
Sorrisi falsi,
beffardi,
ingoiano rancore,
dietro di essi
cosa si nasconde?
Riflessioni sparse
su carta straccia,
sparpagliate
in una mente inquieta;
volano via
come piume al vento.

Valentina – Torino
Pace in Terra

Nel pesco roseo e il ciliegio bianco,
riconosco marzo: la tavolozza,
il color ritorna; del verno stanco.
Ahimè! Geme primavera; singhiozza:
il sangue scorre. Il dolore sul fianco
dei Balcani! Guerra violenta e rozza
sta uccidendo popolo e libertà!
Pace in Terra, senza brutalità!
Alessio – Viareggio

Poesie scelte per voi

Saluti dal Sito

Ponti con la Società

Amici dall'Adriatico