Una Poesia al Giorno

Le Vs Richieste

Presentazioni Libri

Contatore Visite

089523
Oggi
Ieri
Questa Settimana
Tutti i Giorni
Questo Mese
Mese Scorso
Dall'inizio
111
121
346
88272
1144
4911
89523

Your IP: 3.239.4.127
2022-08-09 19:52

Home

Mangiami


Mangiami
con precisione
come si fa con il pesce.

Dividi bene
tra gli spazi
le spine.

Che sapore ha
la compostezza?

Mangiami
come fanno le persone giuste
con le mele.

I morsi fanno rumore
sempre
anche con il coltello.

Che sapore hanno
i peccati giustificati?

Mangiami
altre volte.

Mangiami.

Parola
preludio di incontinenze.

Tutto
è voluto
per essere perfetti.

Rita Pia - Rovigo
Passione e Resurrezione

Sapevi che quella notte il dolore,
avrebbe trafitto il petto, dal vile
riscatto di denaro. Nel candore
delle ore, trasaliva quel febbrile

penare. Con spade, l'accusatore,
bastoni. Come un malfattore ostile
giustiziato: il figlio del Creatore.
Flagellato, umiliato, nel cortile.

Sulla croce il tuo amor è spirato.
Loro hai perdonato, per la salvezza
del creato, morendo con amore.

Nel terzo giorno sei resuscitato:
della fede e pace sei narratore;
messaggero di infinita gaiezza.

Alessio – Viareggio
ULTIMA NOTTE SOTTO LE BOMBE


Si dice che la notte porti consiglio
Per qualcuno i sogni sono l'unico appiglio
Un modo come un altro per viaggiare con la mente
In un mondo onirico come aviatori di un ambiente
Che a volte cambia faccia e mostra il lato oscuro
Scagliando sui civili parole di odio puro
Senza pensare alle conseguenze di un massacro
Nel nome di un Dio che non ha nulla di sacro
E che risparmia solo la follia di un momento
Sotto una luna celata dal fumo denso pieno di tormento
Mentre sotto un tetto un bimbo cerca il senso di questo male
Naufragando nei ricordi felici delle estati calde al mare
Le bombe piovono dal cielo come un incessante diluvio
E nel momento in cui la speranza sfuma libera tra i pensieri,
il buio.
Stefano – Treviglio (BG)
Le bolle di sapone

Siamo labili
nel mondo
come bolle di
sapone.

Il vento ci
trascina in
vortici ascendenti
e meraviglie
scorrono innanzi a noi.

Ma toccarle non possiamo.

Siamo bolle di sapone.

Leggere e fragili
in balìa dei sospiri
che ingenui
ci lanciano lontano.
Barbara – Roma

UKR

Siamo foglie dal vento schiaffate
migranti
erranti
consegnate a mani
che ci conducono
per vie straniere,
senza alcuna direzione
lontane dalle case
dove accostavamo la sera
le sedie attorno al tavolo.
Naufraghi dai sorrisi forzati,
appena accennati
- troppa paura nel cuore pietrificato -
duro lo sguardo
e il respiro fermo
sopra ammassi di macerie
dove insieme alle risposte
giace nella polvere
pure la poesia.

Pasqua 2022

Camminavo per una strada laterale,
che diventava sempre più piccola
e mi portava lontano,
nel verde della primavera.
I suoni man mano tacevano e
restava solo l'incanto del silenzio...

Poi il silenzio fu troppo forte,
così tornai sui miei passi e
ripresi la strada che avevo lasciato,
e mi parve che fosse nuova.
Le case e i volti erano gli stessi ma
i miei occhi avevano cambiato colore.
Nadia Molinai

Una foto


Di te una foto
nel cuore franato
nel giorno senza dopo
nell’oggi ricordo di ieri
serrato nel petto
oso
un sogno sgretolarsi
ancor prima
della speranza
di ieri che correvi
e ti serravo tra le mie braccia
mentre le mani stringono
una foto
fredda e affilata come una lama
a ricordarmi giorni felici
smarriti
nei tuoi perché
franati nei miei silenzi
che tentennano insolenti
nell’immagine di un errore
sottostimato
inesorabilmente
Janette – Catania
Svegliarsi

Svegliarsi dal sonno profondo
di una lunga notte
dopo aver seguito le orme
di miriadi di stelle,
poi udire l'eco
potente dell'aurora
sbalzarmi da un ultimo sogno
per regalarmi il mattino,
oh che sorpresa!
Ed eccomi tutta nuova
fin nell'abisso dell'anima,
eccomi rinata
fin nel profondo del cuore
destato da una parola
perduta, cercata e poi ritrovata.
Lo sento quel soffio di vita
che mi ama ed io amo
e l'infinito che mi conquista
e nulla più mi spaventa!
Sono vinta da tanto Amore
nel quale l'attimo diventa tutto
mentre sfioro incredula
il grande Mistero.
Monia - Conegliano
Avrò


Vigilo sulla mia esistenza
sapendo che quando ho paura di sbagliare
significa che farò la scelta giusta.
Le darò una ragione, un nome
e a volte persino un’emozione.
Avrò un pensiero, un perché, una spinta.
Avrò torto, ma avrò ragione.
E alla fine avrò avuto solo coraggio.
Elena – Milano
POLVERE

Nessuno osa mettere in dubbio,
fermare la forza del potere
con la sua aperta aggressione
intoccabile, austero
che si affanna furioso
per un posto fra i grandi guerrieri
che osserva superbo, annoiato
le masse inermi
che si arrendono
che si adeguano
depresse
senza più pensieri
solo nel cuore il desiderio
di una marcia verso
la libertà dello spirito
solo lui sa
che tutto è polvere
compreso il potere
presto dimenticato
per le sue malefatte.
Ester – Roma

Poesie scelte per voi

Saluti dal Sito

Ponti con la Società

Amici dall'Adriatico